.
Annunci online

lupoabruzzese
Si nasce soli, si vive in branco, homo homini lupus! Si muore soli...ed allora? Ubi societas ibi lex. Ma quale lex? Se mi dici,dimentico. Se mi fai vedere, ricordo. Se mi coinvolgi, capisco...
 
 
 
 
           
       

Sito Non raggiungibile

Giovanni Pizzocchia

Crea il tuo badge

 

 

 

 

.Questo blog, era nato come diario personale reso pubblico. E' complementare, in via sperimentale, per attività professionali non lucrative e di ricerca accademica dell'autore, nel settore della comunicazione, del mondo giovanile (Informagiovani) e del volontariato di protezione civile. I commenti fuori tema, anonimi o non identificabili dal responsabile del blog non sono presi in considerazione. Grazie a tutti per la collaborazione. Il mio nome è Giovanni  e opero in un ente locale,  in provincia dell'Aquila . In occasione delle provinciali 2010, affinchè non venissero atrofizzati i diritti di voto, ho aderito ad una proposta di cadidatura di un comitato politico civico. E' stata la prima e forse l'ultima volta che ho fatto politica attiva.

 Si può credere nel capitalismo o nel comunismo, ma se nel cuore e nella mente c'è solo egoismo e gli altri sono solo "cose" da utilizzare o da sfruttare, non potrà mai esserci alcuna forma di governo che potrà garantire pace, giustizia e libertà.dal sito "  http://www.pierdilucapiero.it/index.asp 

Quando si dice che gli artisti sono più veloci a cogliere "il vero"...

" Lascia stare il potere, il denaro  che non è  il tuo Dio" 

(Lucio Dalla - Apriti cuore)

 

"Una politica che è solo far carriera: Dio è morto...."

"Con gli odi di partito Dio è morto"

"In ciò che noi crediamo Dio risorge"(Nomadi-Guccini)


I miei bisnonni Giovanni e Rosangela e mia nonna Rachele. Primissimi  del '900.

«  Abbi il coraggio di servirti del tuo proprio intelletto »
(Immanuel Kant)

"I montanari un pò filosofi lo sono di natura, perchè hanno la metà

dei cristiani sotto ai coglioni" (Nevio Pelino in "Se tutti gli asene...")

"Essere forti è un dovere. non per sopraffare i più deboli,
ma per invitare a 'ragionare' gli oppressori"
"La vita è meravigliosa. Male che va, moriremo!"
(Giovanni Pizzocchia)
Il cimitero è pieno di gente indispensabile!

"Bisogna cercare di conciliare
il massimo della libertà individuale col massimo della solidarietà civile. Queste sono le spinte, i problemi del nostro tempo. Perché una libertà sfrenata può portare all’anarchia e un eccessivo controllo può portare al soffocamento della libertà."

..”Oggi il rischio più grande riguarda la guerra. Questo è il vero problema. Io non credo alla possibilità di eliminare la conflittualità secondo me è ineliminabile. Ma i rischi oggi sono maggiori rispetto al passato perché la stessa potenza creativa e distruttiva dell’uomo è enormemente aumentata, come tutti sappiamo….Oggi rischiamo la distruzione del mondo, dell’umanità…..

(Rosario Villari, storico)


"Tempi di guerra, tempi di carriera"(Ignazio Silone)

Albert Einstein
Frase pronunciata all'indomani della Grande Guerra
La guerra non può essere modificata, deve essere abolita


 


"La revolution sera morale ou elle ne sera pas"
(Charles Pèguy)

"Credetemi, la causa reale e vera che fa perdere agli uomini il potere
è che sono diventatii ndegni di esercitarlo". (Alexis de Toqueville)


"Un incontro a due: sguardo nello sguardo, faccia a faccia.
E quando sarai vicino io coglierò i tuoi occhi
per metterli al posto dei miei,
e tu coglierai i miei occhi per metterli al posto dei tuoi,
poi ti guarderò con i tuoi occhi e tu mi guarderai con i miei."

(J.L. Moreno)

Scrivimi: pizzocchia@tiscali.it


 



L'uomo è l'unico animale la cui esistenza è un problema da risolvere (Erich Fromm)
 "la civiltà di un popolo si misura anche dal modo in cui tratta i suoi animali (Gandhi)


"Vince chi ha più fame"Marcello Lippi

non educate i vostri figli alla competizione. Non abbiamo bisogno di superuomini
ma di capire il mondo". B.Spock

Mi ritrovo qui, per aver fatto ciò che voi preti ci avete insegnato:
 ‘dar da mangiare agli affamati”.

 

Michele Del Greco, pastore, 22 dicembre del 1943  carcere  Badia  Sulmona,
prima della fucilazione
da parte dei nazisti
Non è il posto nella società che mi rende ricco, ma le mie opinioni;
queste le posso portare con me .... Solo queste possiedo, e non mi possono essere tolte.
Epitteto (Discorsi)



"Imagination is more important than knowledge"(A. Einstein)
L'Immaginazione è più importante della conoscenza"


"Se lascio la briglia sul collo alla stampa, non resto al potere pù di tre giorni"
(Napoleone Bonaparte)

Meglio per un paeseuna stampa senza governo che un governo senza una stampa libera.
(Thomas Jefferson)

"Riteniamo che alcune verità siano di per sé evidenti: che tutti gli uomini sono stati
creati uguali; che dal loro Creatore sono stati dotati di alcuni diritti inalienabili;
che fra questi ci siano la vita, la libertà, il perseguimento della felicità".
(Thomas Jefferson 1743-1826)

"La libertà e l'uguaglianzadegli uomini non sono undato di fatto ma un ideale
da perseguire,...un dovere."
(L'età dei diritti. Norberto Bobbio)

"E' solo per merito dei disperati che ci è data una speranza"(Walter Benjamin)
Questo è il mio comandamento:che via amiate gli uni gli altri..(Giovanni 15,12)
per scrivermi: pizzocchia@tiscali.it
che tempo fa cicca qui:
http://meteo.ansa.it/satellite2.asp?ID=14

 

 Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

 

 

 

  • sia in tema e contribuisca alla discussione in corso
  • non abbia contenuto razzista o sessista
  • non sia offensivo, calunnioso o diffamante

Il responsabile si riserva di pubblicare qualsiasi contenuto che ritiene ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy

 
23 marzo 2015

Prodotti tipici fra salute e sviluppo locale

.




Prodotti tipici fra salute e sviluppo locale.

Si è svolto un convegno formativo a Secinaro, ai piedi del Sirente il 21 marzo 2015

E’stato un evento innovativo l’incontro a Secinaro, in occasione dell’XI edizione sulle antiche prelibatezze del Centro Abruzzo - I prodotti tipici per la salute e lo sviluppo locale, svoltosi il 21/03/2015 ai piedi del Monte Sirente in provincia dell’Aquila.

Già dalla location. Il ristorante “Ada e Giovanni” ha sponsorizzato l’iniziativa, ospitando relatori e pubblico in un ambiente accogliente, in stile country con aromi e profumi alle erbe sirentine.

Alto il profilo scientifico dei relatori, ascoltati con grande interesse e partecipazione, in una sala colma di ospiti; professionisti del settore agroalimentare abruzzese, sindaci motivati e sensibili alle tematiche trattate, cittadini, studiosi, responsabili di organizzazioni culturali locali. L’incontro si è svolto in concomitanza con la prima giornata del FAI che ha posto l’attenzione nello stesso territorio sul complesso monumentale della chiesa di S. Francesco d’Assisi a Castelvecchio Subequo.

Ha moderato Fiorenza Quatraro.

Un convegno nato come risposta da parte della commissariata Comunità Montana Sirentina, ente etichettato “Ecomuseo d’Abruzzo” dal 1998:

- all’appello del Sindaco dell’Aquila, che nei giorni scorsi aveva rivolto ai sindaci del Percorso del Perdono Celestiniano, Sulmona- Valle Subequana- Aterno - L’Aquila, di proporre i propri prodotti tipici da inserire in un progetto promozionale in vista dell’Expo di Milano,

- alla volontà dell’Associazione Culturale Insieme per il Centro Abruzzo, guidata dall’ing. Antonio Ruffini, per aver prediletto il territorio sirentino per questa edizione, Ecomuseo d’Abruzzo, nonché partner del progetto europeo Sycultour, mirato alla ricerca di strategie per lo sviluppo delle aeree rurali del sud est europeo, coniugando cultura e turismo.

Dopo i saluti:

- del sindaco di Secinaro Clementina Graziani, funzionaria della Regione Abruzzo, nel ruolo di diritto per gli onori di casa, estasiata nell’ospitare un’iniziativa così importante nel suo piccolo comune, borgo del Parco Sirente Velino;

- del Commissario della Comunità Montana Sirentina Luigi Fasciani che ha evidenziato come l’Ente continui a fare il proprio ruolo nel favorire la coesione territoriale, affinché maturi la volontà sinergica dei sindaci nel saper ricomporre un’istituzione in grado di offrire i servizi fondamentali in un’area montana, onde evitare il degrado e l’irreversibile fenomeno emigratorio;

- del sindaco architetto Fernando Fabrizio di Castel di Ieri, comune che ospita un inestimabile sito archeologico caratterizzato dai resti di un Tempio Italico. Un primo cittadino da sempre impegnato nel proporre un turismo culturale per un territorio dal paesaggio incontaminato e con un patrimonio storico-architettonico invidiabile ancora inespresso.

Ad aprire i lavori è stato l’agronomo Giorgio Davini, del Parco Majella Morrone, diventato ormai un volto famoso nelle conferenze in cui si parla di Slow food e di turismo naturalistico. Ha riaffermato il concetto di un turismo di qualità che l’Abruzzo dovrebbe proporre per attirare soprattutto stranieri, presenti ancora in bassa percentuale, superando alcuni schemi ormai stereotipati che non possono più dare quell’incremento che la Regione Abruzzo meriterebbe.

L’agronomo della Regione Abruzzo Donato Silveri, subequano D.O.C., per tanti anni già impegnato nella soppressa ARSA, ha ribadito l’importanza dell’autenticità delle produzioni agrarie autoctone, quale patrimonio nella biodiversità agro-alimentare, ai fini dell’identità culturale.

L’esposizione della ricercatrice universitaria Anna Maria D’Alessandro si è rivelata una vera lezione universitaria sulle proprietà farmacologiche dello zafferano, di cui quello aquilano risulta essere il più pregiato a livello mondiale, miracoloso nel debellare numerose patologie, fra le quali il diabete, l’ansia e l’ipertensione. Dalle slide proiettate sugli esperimenti di laboratori o eseguiti, si è evidenziato come l’azione di alcune molecole, contenute nei componenti biochimici dello zafferano, sono altamente efficaci nel far regredire alcune forme tumorali, come quello alla prostata e al cervello.

Il medico nutrizionista sulmonese Antonio Pacella ha parlato anche di come la produzione industriale di serie standardizzata, non favorisca la biodiversità, riducendo così la gamma dei prodotti alimentari sempre più meno naturali. Basterebbe pensare che il 75% del cibo mondiale è rappresentato da sole 12 specie di piante e di soli 5 animali.

L’accademico delle scienze di Roma Ennio Maccari ha presentato una panoramica sul dramma delle problematiche connesse all’inquinamento in agricoltura a livello nazionale.

Giovanni Pizzocchia, impiegato dell’Ente, laureato in sociologa, che ha capitalizzato importanti conoscenze formative nell’ambito dei servizi innovativi nella P.A., dalla comunicazione pubblica alla protezione civile ed allo sviluppo locale, ha ripercorso sin dalle origini il concetto di Ecomuseo. Un neologismo nato nel 1971 in Francia, grazie ad Hugues De Varine, padre degli Ecomusei ed autore del libro diventato un cult ‘’ Le radici nel futuro. Il patrimonio culturale al servizio dello sviluppo locale’’, una sorta di bibbia per i decisori politici, imprenditori e operatori culturali. Il relatore ha avuto modo di conoscere Il prestigioso museologo francese recentemente a Trento, in un convegno nazionale finalizzato alla costituzione di una Rete degli Ecomusei, per favorire lo sviluppo locale. Il termine fu utilizzato la prima volta nell’agenda politica di insediamento dell’allora ministro dell’Ambiente d’oltralpe, per un progetto innovativo di tutela e sviluppo già proiettato al futuro, in quella che ora stiamo vivendo come era post industriale. A partire dagli anni ’90 il modello ecomuseale ha iniziato a diffondersi in Italia ed è tutt’ora in progress, in un dinamismo che vede alcune regioni già con una propria legge: Piemonte, Trentino, Lombardia, Friuli V.G., Puglia e Molise. La Comunità Montana Sirentina già nel 1998 lo aveva adottato come programma istituzionale. Sviluppare tale progetto in un territorio come quello sirentino, come afferma lo stesso Hugues De Varine, produce attività ed opportunità di lavoro direttamente (restauro, pianificazione, gestione, animazione, mediazione, accompagnamento dei visitatori) e indirettamente (attività commerciali locali, prodotti tipici e derivati, rinascita dei mestieri e delle produzioni tradizionali). Lo sviluppo di un ecomuseo è un processo che influenza fortemente gli abitanti di un territorio, coinvolgendoli e responsabilizzandoli. La partecipazione a tale dinamica ha un forte valore pedagogico e formativo.

A seguire una serie di interventi qualificati da parte dei presenti.

Dulcis in fundo: degustazioni con le antiche prelibatezze del Centro Abruzzo, grazie ai produttori locali che hanno partecipato, allietate da canti folcloristici locali, da parte della neonata formazione proprio per l’occasione ‘’I Cugini di Montagna’’.

A cura del Servizio Ufficio Stampa.

Secinaro 22/03/2015




permalink | inviato da lupoabruzzese il 23/3/2015 alle 18:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


 

Ultime cose
Il mio profilo

alter ego
Global Disaster Alert Coordination System
cantanti e canzoni
testi e accordi spartiti x chitarra
INGV
magazine 360 gradi
Nicolo Zarotti (x Psicologia)
Info per sicurezza all'estero
Agenda del giornalista
Il giornalista CrognalI dagli USA
Emergenza sicurezza
Meteo Italy
Finanziamenti dall'EU
Info per Italy per turisti
aggiornamento leggi decreti statali
meteo locale
Protezione Civile Nazionale
università d'annunzio e sisma abruzzo 6-4-09
Leggimi web regionale
ora e temperature nel mondo
Ist Nazionale Geofisica e Vulcanologia
Chi governa la finanza europea
Psicoanalisi e filosofia sperimentale
Unione Comunità Montane
l'utopia possibile
Liberi Cittadini d'Abruzzo
Asca agenzia di stampa
Sergio Lepri
portale studenti unich
DIZIONARIO
glossario sociologico
G. di storia contemporanea
biblio pensiero politico
rete 5 Sulmona
videoesse sulmona su web
ANSA
art 21libertà informazione
news occupazione abruzzo
Il governo ci informa
Dichiarazione Universale dei diritti dell'uomo
Costituzione Repubblica Italiana
Uff. Stampa prov. PE
Logos multilingue
Primaonline
camera dei deputati
Arcoiris
Casa per la Pace
abruzzo 24 ore tv
Adista
II pittore Santella Alfredo
Fed. Italiana Turismo
9 colonne
crisi dei valori e delle ideologie
Raymond Boudon
Freedom Trail
il mio ex blog
Il mio intervento atti convegno ecomusei 2003
tv web primadanoi
capoluogo.it L'Aquila
Comunità Montana Sirentina
Comunità Montana Peligna
Comunità Montana Alto Sangro
il nostro blog della solidarietà
Regione Abruzzo
provincia dell'Aquila
ufficio stampa regione abruzzo
ricerca
Bauman
sociologia1
html
elenco telefonico
jamm.mo sito local
news
PNL
europe news
qualcosa su Spock
Il portale Italia
Benjamin Walter
Norberto Bobbio
Erich Fromm
Epitteto
lupo
rischio estinzione
quotidiano net
international time
Rai news 24
media
poloelettronico abruzzo
psicanalisi
ruggire no miagolare
abruzzo web
La voce online
quotidiani naz e intern
utility general link
sentiamo i francesi
La voce
mensile che recensisce
rivistaonline abruzzo cultura
istruzione abruzzo
vigilanza meteo
Vespa Club Sulmona



me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     febbraio        aprile